Hypoxia is a condition that occurs at the cellular and tissue level, where low levels of oxygen are present due to inadequate distribution. On the other hand, hypoxemia is defined as the lack of oxygen in the blood. The objective of the present study is to evaluate the levels of biological antioxidant capacity through a standardized method of analysis in plasma and through an experimental method that makes use of the analysis of erythrocyte membranes. It has been hypothesized that patients suffering from hypoxemia may be more subjected to oxidative stress than a control sample consisting of healthy subjects with the characteristics that will be subsequently indicated and a third sample of non-hypoxemic geriatric subjects. Subjects and methods 88 patients were enrolled, belonging to the Day Hospital and to the acute care department of Geriatrics, and to the transfusion center of the Campus Bio-Medico University Hospital. The first group consists of 31 hypoxemic subjects suffering from respiratory insufficiency. The second group made up of 30 non-hypoxemic geriatric subjects, suffering from different, poly-pathological degrees of functional impairment. Finally, the third group consisting of 27 healthy subjects, referred to as the control group. An in vitro experimental model was applied for the analysis of erythrocyte membrane samples in the following ways: comparison of the extent of damage to the erythrocyte membranes following induced photooxidation on samples taken from the study subjects - comparison with respect to a group of normo-oxyemic geriatric patients - comparison with a group of healthy patients under the age of 60. Results and discussion From the comparative evaluation on the three groups, as regards the analysis of erythrocyte membranes, no statistically significant differences are observed. Specifically, an inter-group comparison was made: between patients belonging to the "hypoxemic" group and the "control" group, no statistical significance was observed, in fact the P value was equal to 0.95. The same can be said both in the comparison between "controls" and "non-hypoxemic geriatrics" and between "hypoxemic" and non "hypoxemic", also in this case in fact the P value is not indicative of statistical significance with values ​​of 0.26 respectively and 0.18. From the comparative analysis on the three groups, inherent to the BAP test, a significant difference was observed between "hypoxemic" patients and "controls" with P value equal to 0.0018 and between non-hypoxemic geriatric patients and healthy controls with P value. <0.0001. Therefore, in geriatric patients, the antioxidant capacity of the plasma was lower than the donors; this in relation to the fact that they are subjected to greater oxidative stress, in relation to the condition of aging and hypoxemia. to 0.69. In conclusion, the data that emerged are relevant as regards the use of the BAP test as a test for evaluating the antioxidant capacity in geriatric patients; the data that emerged in relation to the analysis of erythrocyte membranes also appear to be insignificant.

L'ipossia è una condizione che si determina a livello cellulare e tissutale, laddove siano presenti bassi livelli di ossigeno a causa di un'inadeguata distribuzione. Si definisce invece ipossiemia la carenza di ossigeno nel sangue. L'obiettivo del presente studio è valutare i livelli di capacità antiossidante biologica tramite una metodica standardizzata di analisi nel plasma e tramite una metodica sperimentale che si avvale dell'analisi delle membrane eritrocitarie. E' stato ipotizzato che pazienti affetti da ipossiemia possano essere maggiormente sottoposti a stress ossidativo, rispetto ad un campione di controllo costituito da soggetti sani con le caratteristiche che verranno successivamente indicate ed un terzo campione di soggetti in età geriatrica non ipossiemici. Soggetti e metodi Sono stati arruolati 88 pazienti, afferenti al Day Hospital ed al reparto per acuti di Geriatria, ed al centro trasfusionale del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico. Il primo gruppo è costituito da 31 soggetti ipossiemici, affetti da insufficienza respiratoria. Il secondo gruppo costituito da 30 soggetti in età geriatrica non ipossiemici, affetti da gradi di compromissione funzionale diversi, poli-patologici. Infine il terzo gruppo costituito da 27 soggetti sani, indicato come gruppo di controllo. E' stato applicato un modello sperimentale in vitro per l'analisi di campioni di membrane eritrocitarie nei seguenti modi: confronto dell'entità di danneggiamento delle membrane eritrocitarie in seguito a fotoossidazione indotta su campioni prelevati dai soggetti in studio - confronto rispetto ad un gruppo di pazienti in età geriatrica normo-ossiemici - confronto rispetto ad un gruppo di pazienti sani di età inferiore ai 60 anni. Risultati e discussione Dalla valutazione comparativa sui tre gruppi, per quanto riguarda l'analisi delle membrane eritrocitarie, non si osservano differenze statisticamente significative. Nello specifico è stato effettuato un confronto inter-gruppi: tra pazienti appartenenti al gruppo "ipossiemici" ed il gruppo "controlli" non si osserva significatività statistica, infatti il valore di P value è pari a 0,95. Lo stesso si può affermare sia nel confronto tra "controlli" e "geriatrici non ipossiemici" e tra "ipossiemici" e non "ipossiemici", anche in questo caso infatti la P value non è indicativa di significatività statistica con valori rispettivamente di 0,26 e di 0,18. Dall'analisi comparativa sui tre gruppi, inerente al BAP test, è stata osservata una differenza significativa tra pazienti "ipossiemici" e "controlli" con P value pari a 0,0018 e tra pazienti geriatrici non ipossiemici e controlli sani con valore di P value <0,0001. Quindi nei pazienti geriatrici è risultata una capacità antiossidante del plasma inferiore ai donatori; ciò in relazione al fatto che sono sottoposti a maggior stress ossidativo, in relazione alla condizione di invecchiamento e di ipossiemia Al contrario nel confronto tra pazienti ipossiemici e non ipossiemici, in età geriatrica, non è emerso un dato statisticamente significativo con un valore P value pari a 0,69. In conclusione i dati emersi sono rilevanti per quanto riguarda l'utilizzo del BAP test come test di valutazione della capacità anti-ossidante in pazienti in età geriatrica; appaiono altresì non significativi i dati emersi in relazione all'analisi delle membrane eritrocitarie.

Valutazione della capacità antiossidante in pazienti ipossiemici tramite BAP test ed analisi delle membrane eritrocitarie / Francesca Flavia Rossi - : . , 2016 May 25. ((27. ciclo

Valutazione della capacità antiossidante in pazienti ipossiemici tramite BAP test ed analisi delle membrane eritrocitarie

2016-05-25

Abstract

L'ipossia è una condizione che si determina a livello cellulare e tissutale, laddove siano presenti bassi livelli di ossigeno a causa di un'inadeguata distribuzione. Si definisce invece ipossiemia la carenza di ossigeno nel sangue. L'obiettivo del presente studio è valutare i livelli di capacità antiossidante biologica tramite una metodica standardizzata di analisi nel plasma e tramite una metodica sperimentale che si avvale dell'analisi delle membrane eritrocitarie. E' stato ipotizzato che pazienti affetti da ipossiemia possano essere maggiormente sottoposti a stress ossidativo, rispetto ad un campione di controllo costituito da soggetti sani con le caratteristiche che verranno successivamente indicate ed un terzo campione di soggetti in età geriatrica non ipossiemici. Soggetti e metodi Sono stati arruolati 88 pazienti, afferenti al Day Hospital ed al reparto per acuti di Geriatria, ed al centro trasfusionale del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico. Il primo gruppo è costituito da 31 soggetti ipossiemici, affetti da insufficienza respiratoria. Il secondo gruppo costituito da 30 soggetti in età geriatrica non ipossiemici, affetti da gradi di compromissione funzionale diversi, poli-patologici. Infine il terzo gruppo costituito da 27 soggetti sani, indicato come gruppo di controllo. E' stato applicato un modello sperimentale in vitro per l'analisi di campioni di membrane eritrocitarie nei seguenti modi: confronto dell'entità di danneggiamento delle membrane eritrocitarie in seguito a fotoossidazione indotta su campioni prelevati dai soggetti in studio - confronto rispetto ad un gruppo di pazienti in età geriatrica normo-ossiemici - confronto rispetto ad un gruppo di pazienti sani di età inferiore ai 60 anni. Risultati e discussione Dalla valutazione comparativa sui tre gruppi, per quanto riguarda l'analisi delle membrane eritrocitarie, non si osservano differenze statisticamente significative. Nello specifico è stato effettuato un confronto inter-gruppi: tra pazienti appartenenti al gruppo "ipossiemici" ed il gruppo "controlli" non si osserva significatività statistica, infatti il valore di P value è pari a 0,95. Lo stesso si può affermare sia nel confronto tra "controlli" e "geriatrici non ipossiemici" e tra "ipossiemici" e non "ipossiemici", anche in questo caso infatti la P value non è indicativa di significatività statistica con valori rispettivamente di 0,26 e di 0,18. Dall'analisi comparativa sui tre gruppi, inerente al BAP test, è stata osservata una differenza significativa tra pazienti "ipossiemici" e "controlli" con P value pari a 0,0018 e tra pazienti geriatrici non ipossiemici e controlli sani con valore di P value <0,0001. Quindi nei pazienti geriatrici è risultata una capacità antiossidante del plasma inferiore ai donatori; ciò in relazione al fatto che sono sottoposti a maggior stress ossidativo, in relazione alla condizione di invecchiamento e di ipossiemia Al contrario nel confronto tra pazienti ipossiemici e non ipossiemici, in età geriatrica, non è emerso un dato statisticamente significativo con un valore P value pari a 0,69. In conclusione i dati emersi sono rilevanti per quanto riguarda l'utilizzo del BAP test come test di valutazione della capacità anti-ossidante in pazienti in età geriatrica; appaiono altresì non significativi i dati emersi in relazione all'analisi delle membrane eritrocitarie.
Hypoxia is a condition that occurs at the cellular and tissue level, where low levels of oxygen are present due to inadequate distribution. On the other hand, hypoxemia is defined as the lack of oxygen in the blood. The objective of the present study is to evaluate the levels of biological antioxidant capacity through a standardized method of analysis in plasma and through an experimental method that makes use of the analysis of erythrocyte membranes. It has been hypothesized that patients suffering from hypoxemia may be more subjected to oxidative stress than a control sample consisting of healthy subjects with the characteristics that will be subsequently indicated and a third sample of non-hypoxemic geriatric subjects. Subjects and methods 88 patients were enrolled, belonging to the Day Hospital and to the acute care department of Geriatrics, and to the transfusion center of the Campus Bio-Medico University Hospital. The first group consists of 31 hypoxemic subjects suffering from respiratory insufficiency. The second group made up of 30 non-hypoxemic geriatric subjects, suffering from different, poly-pathological degrees of functional impairment. Finally, the third group consisting of 27 healthy subjects, referred to as the control group. An in vitro experimental model was applied for the analysis of erythrocyte membrane samples in the following ways: comparison of the extent of damage to the erythrocyte membranes following induced photooxidation on samples taken from the study subjects - comparison with respect to a group of normo-oxyemic geriatric patients - comparison with a group of healthy patients under the age of 60. Results and discussion From the comparative evaluation on the three groups, as regards the analysis of erythrocyte membranes, no statistically significant differences are observed. Specifically, an inter-group comparison was made: between patients belonging to the "hypoxemic" group and the "control" group, no statistical significance was observed, in fact the P value was equal to 0.95. The same can be said both in the comparison between "controls" and "non-hypoxemic geriatrics" and between "hypoxemic" and non "hypoxemic", also in this case in fact the P value is not indicative of statistical significance with values ​​of 0.26 respectively and 0.18. From the comparative analysis on the three groups, inherent to the BAP test, a significant difference was observed between "hypoxemic" patients and "controls" with P value equal to 0.0018 and between non-hypoxemic geriatric patients and healthy controls with P value. &lt;0.0001. Therefore, in geriatric patients, the antioxidant capacity of the plasma was lower than the donors; this in relation to the fact that they are subjected to greater oxidative stress, in relation to the condition of aging and hypoxemia. to 0.69. In conclusion, the data that emerged are relevant as regards the use of the BAP test as a test for evaluating the antioxidant capacity in geriatric patients; the data that emerged in relation to the analysis of erythrocyte membranes also appear to be insignificant.
ipossiemia, capacità anti-ossidante, invecchiamento, BPCO
Valutazione della capacità antiossidante in pazienti ipossiemici tramite BAP test ed analisi delle membrane eritrocitarie / Francesca Flavia Rossi - : . , 2016 May 25. ((27. ciclo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
DT_145_RossiFrancescaFlavia.pdf

accesso aperto

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 3.21 MB
Formato Adobe PDF
3.21 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12610/68704
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact