William Stewart Halsted (1852-1922) is considered the “noble father” of American surgery. Although best remembered for his technique of radical mastectomy in breast tumors – perhaps the most devastating intervention, even if life-saving, for the female body – many other elements of his surgical revolution are characterized by an ambivalent relationship with the body, the patient’s as well as the health operator’s one. This contribution seeks to reconstruct the most salient aspects of this attitude, trying to place them in relation to another body problem that deeply influenced the whole existence of this great surgeon: his decades-long double addiction to cocaine and morphine.

William Stewart Halsted (1852-1922) è considerato il “padre nobile” della chirurgia americana. Benché ricordato soprattutto per la sua tecnica di mastectomia radicale nei tumori della mammella – l’intervento forse più devastante, ancorché salvavita, per il corpo femminile – molti altri elementi della sua rivoluzione chirurgica sono caratterizzati da un ambivalente rapporto con il corpo, tanto dei pazienti quanto degli stessi operatori sanitari. Il presente contributo cerca di ricostruire gli aspetti più notevoli di questo atteggiamento, cercando di porli in relazione con un’altra problematica corporea che condizionò profondamente l’intera esistenza di questo grandissimo chirurgo: la sua pluridecennale e doppia dipendenza da cocaina e morfina.

Le contraddizioni del corpo nella rivoluzione chirurgica di William Stewart Halsted

BORGHI L
2018-01-01

Abstract

William Stewart Halsted (1852-1922) è considerato il “padre nobile” della chirurgia americana. Benché ricordato soprattutto per la sua tecnica di mastectomia radicale nei tumori della mammella – l’intervento forse più devastante, ancorché salvavita, per il corpo femminile – molti altri elementi della sua rivoluzione chirurgica sono caratterizzati da un ambivalente rapporto con il corpo, tanto dei pazienti quanto degli stessi operatori sanitari. Il presente contributo cerca di ricostruire gli aspetti più notevoli di questo atteggiamento, cercando di porli in relazione con un’altra problematica corporea che condizionò profondamente l’intera esistenza di questo grandissimo chirurgo: la sua pluridecennale e doppia dipendenza da cocaina e morfina.
William Stewart Halsted (1852-1922) is considered the “noble father” of American surgery. Although best remembered for his technique of radical mastectomy in breast tumors – perhaps the most devastating intervention, even if life-saving, for the female body – many other elements of his surgical revolution are characterized by an ambivalent relationship with the body, the patient’s as well as the health operator’s one. This contribution seeks to reconstruct the most salient aspects of this attitude, trying to place them in relation to another body problem that deeply influenced the whole existence of this great surgeon: his decades-long double addiction to cocaine and morphine.
history of surgery; Johns Hopkins Hospital; breast cancer
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12610/7854
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact